.: Info
Ciao : Ospite
Registrati  Registrati qui.

Nickname
Password
Utente :
Password smarrita

Lista IscrittiIscritti100321
Online Ora89
StaffStaff0
MembriMembri0
VisitatoriVisitatori89

Ultimo Iscritto :
jebediaItalia

Utenti Online :

Seleziona Lingua :


Contenuti

The Free Network Project
Liberty through Technology




Mi preoccupo continuamente della mia bambina e di Internet, anche se è ancora troppo piccola per potersi collegare. Ecco cosa mi preoccupa. Mi preoccupa il fatto che fra 10 o 15 anni, lei verrà da me e mi dirà "Papà, dov'eri quando hanno tolto la libertà di parola in Internet? --Mike Godwin, Electronic Frontier Foundation

 

Cos'è Freenet?

Freenet è un network peer-to-peer su larga scala, il quale condividendo la potenza dei computer che ne fanno parte in tutto il mondo, crea un grande deposito virtuale di informazione aperto a chiunque per pubblicare o consultare informazioni liberamente. Le caratteristiche di Freenet sono:
 

  • Alto tasso di sopravvivenza: Tutti i processi interni sono completamente anonimi e decentralizzati in tutto il network, rendendo virtualmente impossibile per un attacker distruggere informazioni o prendere il controllo del sistema.

  • Privato: Freenet rende estremamente difficile per chiunque osservare le informazioni che tu stai visionando, pubblicando, o immagazzinando.

  • Sicuro: Le informazioni immagazzinate in Freenet sono protette dalla crittografia forte contro manomissioni o falsificazioni.

  • Efficiente: Freenet copia e ridistribuisce le informazioni dinamicamente in base alla domanda per garantire un servizio efficiente ed il minimo uso di banda indipendentemente dal carico di lavoro. Infatti, Freenet generalmente richiede log(n) tempo per fornire il risultato in un network composto da n elementi.

Storia

Freenet è una implementazione Open Source potenziata del sistema descritto da Ian Clarke nel 1999 nel suo documento "A distributed decentralized information storage and retrieval system" (guarda qui). Il lavoro su Freenet cominciò subito dopo la pubblicazione di questo documento nel Luglio 1999 da Clarke ed un piccolo numero di volontari. A Marzo 2000 la versione 0.1 di Freenet era pronta per essere rilasciata. Sin dal Marzo 2000 Freenet è stata citata massicciamente dalla stampa, più a causa delle sue implicazioni nella vicenda del copyright che per il suo grande obbiettivo, la libertà di comunicazione.

Lo sviluppo di Freenet continua ad un ritmo sempre più crescente ed affannoso, rilasciando una nuova versione almeno ogni due settimane, ognuna con signifacanti migliorie sotto il profilo della facilità d'uso e quello della performance. In questo momento la scrittura della versione 0.4, con grossi cambiamenti sull'architettura di sistema, sulla sicurezza e sulle performance,è vicina al completamento.

 

Applicazioni

Il sistema fornisce una flessibile e potente infrastruttura capace di supportare una grande gamma di utilizzi, come:

  • La disseminazione incensurabile di informazioni controverse: Freenet protegge la libertà di parola permettendo la publicazione anonima e incensurabile di materiale che varia dal giornalismo alternativo di base alle denuncie interdette come quelle di Peter (Spycatcher) Wright e David Shayler su MI5.

  • Efficiente distribuzione di contenuti che necessitano di banda larga: l'adattività dei meccanismi di caching e mirroring che appartengono a Freenet è stata usata per distribuire gli update del software Debian e per combattere l'effetto Slashdot.

  • Pubblicazioni personali universali: Freenet permette a chiunque di avere un sito web, senza restrizioni di spazio o pubblicità obbligatoria, sempre che tu abbia un computer.

Freenet è un sistema aperto e democratico che non può essere controllato da nessuna persona, nemmeno dal suo creatore. Fu originariamente ideato da Ian Clarke ed è stato implementato nel modello open-source da molti volontari.

 

La filosofia di Freenet

di Ian Clarke

 

1. Una nota di riserva

Sono molti i motivi per decidere di partecipare al progetto Freenet. Qualcuno degli interessati condivide le opinioni espresse nel presente testo; altri propendono per varianti di queste opinioni, che trovano rispondenza anch'esse in quello che stiamo cercando di realizzare; altri ancora, semplicemente, apprezzano la sfida sotto il profilo tecnico. Espongo qui le idee che mi hanno maggiormente motivato ad elaborare il sistema, le quali non coincidono necessariamente con le opinioni di tutti i partecipanti al progetto Freenet.

2. L'importanza del libero flusso dell'informazione

Nella massima parte delle culture occidentali, la libertà di parola è considerata in genere uno dei più importanti diritti che si possano avere. Perchè è così importante la libertà di scambiarsi idee e opinioni? Sono molte le risposte a questa domanda.

2.1 è la comunicazione che ci rende umani

Una delle differenze più evidenti tra il genere umano e il resto del regno animale è la nostra capacità di comunicare concetti astratti e sofisticati. Anche se scopriamo di continuo che la capacità di comunicazione degli animali è più sofisticata di quanto si pensasse in passato, è improbabile che qualsiasi altro animale si avvicini al nostro livello di capacità in questo campo.

2.2 è bene sapere

La maggior parte della gente, potendo decidere se sapere o non sapere qualcosa, sceglierà di essere più, e non meno, informata. Si sono vinte e perse guerre a seconda di chi era meglio informato. Questo perchè essere meglio informati ci consente di prendere decisioni migliori, e in generale migliora la nostra capacità di sopravvivere e di avere successo.

2.3 La democrazia presuppone un popolo bene informato

Molte persone vivono oggi in un ordinamento democratico, e dove non c'è un governo democratico se ne sente probabilmente l'esigenza. La democrazia è una risposta alla domanda di come creare dei leaders impedendo loro, al tempo stesso, di abusare del potere di cui dispongono. Si ottiene questo dando al popolo il potere di dettare regole al proprio governo mediante il voto, ma la possibilità di votare non significa necessariamente vivere in un paese democratico. Per dettare davvero regole al proprio governo, il popolo deve sapere che cosa il governo sta facendo: deve essere bene informato. è un'interrelazione a circolo, ma questo circolo si può interrompere se il governo ha il potere di controllare l'informazione alla quale il popolo ha accesso.

 

3. Censura e libertà

La libertà è preziosa per tutti: anzi, molti la considerano tanto importante da essere pronti a morire per essa. Soprattutto nei paesi occidentali, piace pensare di essere liberi di formarsi l'opinione che si vuole e di tenersela. Supponiamo ora che qualcuno abbia la facoltà di controllare l'informazione alla quale si ha accesso. Questo qualcuno avrebbe così la possibilità di manipolare le opinioni degli altri nascondendo certi dati di fatto, diffondendo menzogne e censurando qualsiasi cosa contraddica le sue menzogne. Non è una fantasticheria alla Orwell, è pratica standard della maggior parte dei governi occidentali mentire al popolo, al punto che oggi tutti lo danno per scontato, sebbene questo leda proprio quei principi democratici che costituiscono la giustificazione primaria dell'esistenza del governo.

 

4. La soluzione

L'unico modo per preservare la democrazia è provvedere perchè il governo non abbia la possibilità di controllare la facoltà del popolo di scambiarsi informazioni, di comunicare. Se ogni cosa che vediamo e sentiamo è passata per un filtro, non siamo veramente liberi. L'intento di Freenet è di consentire a due o più persone di scambiarsi informazioni, se lo vogliono.

 

5. Ma qualche volta la censura non è necessaria?

Ovviamente, niente è tutto positivo o tutto negativo. Sono molti a pensare che in determinate circostanze la censura sia una buona cosa. Per esempio, in certi paesi europei è illecito diffondere informazioni che sono ritenute razziste. I governi cercano d'impedire alla gente di difendere idee considerate nefaste per la società. Le risposte a questo dilemma sono due. La prima è che non si può permettere ai governanti d'imporre una censura "buona" senza lasciarli liberi d'imporre anche una censura "cattiva". Per imporre una qualsiasi forma di censura, un governo deve essere in grado di controllare, e quindi di ridurre, la comunicazione. Alcuni già sostengono criticamente che in molti Stati europei la censura antirazzismo è un ostacolo per una legittima analisi storica di fatti quali la seconda guerra mondiale.

La seconda argomentazione è che la censura "buona" è controproducente anche quando non si insinua in altri campi. Per esempio, se si vuole persuadere qualcuno di qualcosa, in genere è più efficace presentare le obiezioni al riguardo e fornire le risposte a queste obiezioni. Purtroppo, impedendo alle persone di conoscere le tesi, spesso sofisticate, sostenute dai razzisti, le si rendono vulnerabili a quelle stesse tesi quando alla fine ci vengono a contatto.

Beninteso, la prima argomentazione è quella più valida, e resterebbe vera anche rifiutando la seconda. In ultima analisi, o c'è censura o non c'è: non vi è una via di mezzo.

 

6. Ma perchè è necessario l'anonimato?

Non si può avere libertà di parola senza la possibilità di conservare l'anonimato. La censura è perlopiù retrospettiva: in genere, è molto più facile privare della libertà di parola sanzionando a posteriori chi la esercita, piuttosto che impedire in anticipo di esercitarla. Il solo modo di opporsi a questa tattica è rimanere anonimi. è diffusa, ma errata, l'idea che non ci si possa fidare d'informazioni anonime: non è necessariamente vero. Si possono utilizzare firme digitali per crearsi uno pseudonimo sicuro, che con il tempo può riscuotere fiducia. A tale scopo, Freenet comprende un dispositivo denominato "subspaces".

 

7. E che succede per il copyright?

Naturalmente, in molto di quello che si è pubblicato riguardo a Freenet, il problema del copyright ha assunto importanza centrale. è quindi necessario parlarne un po'. Il nucleo della questione del copyright è che per farlo rispettare occorre controllare le comunicazioni, ma la libertà di parola non è garantita se qualcuno controlla quello che si dice. è un punto importante, che perlopiù non viene sollevato e affrontato quando si discute sul problema del copyright. Permettetemi di dirlo chiaramente:

 

Non è possibile garantire la libertà di parola e applicare la legge sul copyright

è per questo che Freenet, un sistema inteso a salvaguardare la libertà di parola, deve opporsi all'applicazione del copyright.

 

8. Ma, senza copyright, quale remunerazione avranno gli artisti per le loro opere?

Anzitutto, anche se il copyright costituisse l'unico modo di remunerare gli artisti per le loro opere, vorrei far valere che la libertà è più importante del fatto che ci siano artisti di professione (quelli che sostengono che allora non ci sarebbe arte non capiscono la creatività: si creerà sempre, è un impulso irresistibile. L'unico problema è se si possa vivere delle proprie creazioni).

Inoltre, si può mettere in dubbio l'efficacia del copyright, già adesso. Il mondo della musica, che è il più esplicitamente contrario ai progressi della tecnologia delle comunicazioni, non riesce ad agire al riguardo, secondo molti degli artisti la cui remunerazione consiste nel copyright, e anzi ha permesso ad intermediari di acquisire il controllo sui meccanismi della distribuzione, a scapito al tempo stesso degli artisti e del pubblico.

 

9. Le alternative al copyright

Per fortuna non è qualcosa di ineluttabile. Vi sono molte modalità alternative per remunerare gli artisti. La più semplice è il pagamento su base volontaria: è un'estensione del sistema del mecenatismo, che era frequente prima dell'avvento del copyright, quando i ricchi finanziavano gli artisti per consentire loro di darsi alla creazione a tempo pieno. Internet permette un ampliamento interessante di questa idea, perchè invece di avere un solo ricco mecenate se ne possono avere centinaia di migliaia, che versano piccole somme di denaro via Internet. E anche a questo riguardo noi mettiamo in pratica quello che proclamiamo: il 15 marzo 2001 il progetto Freenet ha iniziato a ricevere donativi, e in una settimana abbiamo raccolto oltre mille dollari.

 

 

10. Approcci più sofisticati: l'equa quota ("fairshare")

Qualcuno, naturalmente, considererà ridicola questa idea per il motivo (presumo) che nessuno sarebbe mai disposto a pagare per qualcosa a meno che non ne sia costretto (ma ci sono molte prove contrarie). Prima di tutto, non condivido una simile visuale, piuttosto deprimente, dell'umanità, e poi vi sono dispositivi più sofisticati, che fanno appello allo stesso interesse personale: per esempio "l'equa quota", secondo cui si può investire negli artisti, in un'idea che piace, come un capitalista investe in una venture, e se l'artista ha successo si guadagna in proporzione al proprio contributo iniziale. Un bel vantaggio è che così s'incoraggia a versare più denaro per artisti sconosciuti che si ritiene abbiano un potenziale di successo. Se l'investimento non dovesse rendere, si avrà pur sempre la soddisfazione di aver dato un contribuito a un artista di cui si apprezzano le opere.









Copyright © by P2PItalia.com - Il portale italiano sul mondo P2P All Right Reserved.

Pubblicato su: 2003-01-17 (4934 letture)

[ Indietro ]