.: Info
Ciao : Ospite
Registrati  Registrati qui.

Nickname
Password
Utente :
Password smarrita

Lista IscrittiIscritti100325
Online Ora0
StaffStaff0
MembriMembri0
VisitatoriVisitatori

Ultimo Iscritto :
AngelaNaFEl Salvador

Utenti Online :

Seleziona Lingua :


No a sanzioni penali per il P2P
 .:Postato il Giovedý, 25 novembre @ 10:09:01 CET da sickb0y
Il nuovo verbo Ŕ affidato ad una normativa approvata dal Senato americano: rimangono multe severe per chi registra film in sala ma chi usa il file sharing non Ŕ un criminale.

25/11/04 - Washington (USA) - Viene vista con vivo interesse dai tanti sostenitori delle libertÓ digitali l'approvazione da parte del Senato degli Stati Uniti di una normativa sul diritto d'autore meno pesante e restrittiva di altre leggi, come ad es. quelle italiane.

Nei giorni scorsi, infatti, il disegno di legge Intellectual Property Protection Act Ŕ stato modificato e mitigato dal Senato che lo ha trasformato nel Family Entertainment and Copyright Act, proposta di legge che dai primi di dicembre sarÓ esaminata dalla Camera dei Rappresentanti. Una proposta che costituisce un significativo passo indietro in quanto a sanzioni e repressione.

La nuova legge, se sarÓ approvata come Ŕ uscita dal Senato, prevede fino a tre anni di carcere per chi venisse colto nell'atto di registrare un film in sala mediante telecamera. Una punizione esemplare che viene richiesta dalle major di Hollywood che, come noto, da tempo lavorano per rendere la vita difficile ai pirati da sala. Allo stesso modo vengono aggravate le pene per chi distribuisce sul mercato nero film o musica prima che questi siano lanciati ufficialmente sul mercato, una normativa applaudita dalle major della musica, RIAA in testa.

Un problema che viene rilevato nella nuova proposta e tutt'altro che secondario, Ŕ quello legato alla volontarietÓ dell'infrazione. Se prima era infatti necessario per l'accusa provare che la persona coinvolta avesse voluto consapevolmente violare il diritto d'autore, ora questa prova non Ŕ pi¨ necessaria.

Ma la vera grande evoluzione della nuova normativa Ŕ l'esclusione del contestatissimo Pirate Act, una legge che avrebbe aperto la via ad una pletora di denunce contro gli utenti del file sharing non pi¨ da parte delle major ma direttamente del dipartimento di Giustizia, con conseguenze che molti ritengono pesantissime sulle libertÓ digitali. Un rischio che, con la nuova proposta, potrebbe essere annullato.

Non Ŕ un caso che, pur rimanendo critica dell'insieme della legislazione, troppo prona a suo giudizio alle volontÓ e necessitÓ delle grandi industrie dei contenuti, persino EFF abbia parlato della nuova proposta come di un passo in avanti, visto che sono escluse sanzioni penali per gli utenti dei sistemi di scambio. Come sottolinea Wired, EFF ha comunque affermato che, piuttosto che questa legge sul diritto d'autore, sarebbe comunque preferibile tenersi le normative attuali.

News

 
 .: Links Correlati
· Inoltre News
· News by sickb0y


Articolo più letto relativo a News:
P2P, decine di denunce in Italia


 .: Article Rating
Average Score: 4.6
Voti: 5


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



 .: Opzioni

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati