.: Info
Ciao : Ospite
Registrati  Registrati qui.

Nickname
Password
Utente :
Password smarrita

Lista IscrittiIscritti100325
Online Ora0
StaffStaff0
MembriMembri0
VisitatoriVisitatori

Ultimo Iscritto :
AngelaNaFEl Salvador

Utenti Online :

Seleziona Lingua :


P2P, decine di denunce in Italia
 .:Postato il Mercoledì, 05 aprile @ 11:04:58 CEST da sickb0y
Due distinte operazioni sono state condotte nel nostro paese in questi giorni contro utenti P2P. Sequestri e denunce che si incardinano in una offensiva internazionale di IFPI, che annuncia 2mila nuove cause in 10 paesi.

Il Nucleo Provinciale della Guardia di Finanza di Brescia ha condotto un'operazione denominata Dark e rivolta in particolare contro un network noto come Darkbios. L'operazione, coadiuvata dai tecnici della Federazione contro la Pirateria musicale, ha riguardato utenti di Lombardia, Lazio, Piemonte e Puglia ed è stata generata, si legge in una nota, "da autonoma attività info-investigativa e volta alla repressione dello scambio illegale di files musicali in rete (c.d. peer to peer)".

Le Fiamme Gialle hanno spiegato che sono stati denunciati grandi condivisori e sono stati sequestrati 3 server che gli inquirenti ritengono consentissero la condivisione di decine di migliaia di brani musicali, film e software senza autorizzazione. I server erano utilizzati da utenti di Direct Connect. Pur con molte differenze nelle policy dei server DC, in molti casi chi vi partecipa deve porre in condivisione un certo numero di materiali, ed è stata proprio la quantità di file in circolazione su quelle macchine ad attirare i maggiori strali dell'industria.


Nel complesso, l'operazione di Brescia ha portato al sequestro di 18 personal computer, decine di migliaia di file mp3 e altri materiali, compresi film di "recentissima programmazione". Nell'insieme le persone denunciate all'autorità giudiziaria per violazione delle leggi sul diritto d'autore sono otto, una delle quali minorenne. "Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Brescia, - si legge in una nota - proseguiranno con l'analisi del materiale in sequestro al fine di quantificare la portata dell'attività illecita ed individuare ulteriori soggetti coinvolti".

Ma ad attirare l'attenzione in queste ore sono i dettagli dell'operazione Wild Sharer a cui Punto Informatico ha accennato nei giorni scorsi, dettagli che disegnano un'inchiesta, coordinata da Gianluca Braghò, Sostituto Procuratore della Repubblica di Milano, per alcuni versi senza precedenti nel nostro paese.

Sono infatti 15 i server sequestrati dal Nucleo Regionale PT della Guardia di Finanza milanese, tutti ricondotti dagli inquirenti alla comunità di Freeazzurra, i cui siti di riferimento sono, come noto, sotto sequestro ormai da diversi giorni. Secondo gli inquirenti quei server consentivano la condivisione di milioni di file musicali da parte di migliaia di utenti.

Secondo i finanzieri, l'operazione si è resa necessaria dopo che in circolazione grazie a quei server erano stati individuati software commerciali ed opere musicali e cinematografiche di recente pubblicazione. La "dimensione" di questo sharing, stando alle cifre fornite dagli inquirenti, non ha precedenti nelle operazioni fin qui condotte in Italia contro questo genere di attività. "L'intero sistema - spiegano infatti le Fiamme Gialle - era costituito da una comunità virtuale in grado scambiare, divulgare on line, trasmettere attraverso web radio clandestine, materiale tutelato dal diritto d'autore pari a 890 terabyte, quantificabile, approssimativamente, in circa 200.000.000 (duecentomilioni) di file".

Nel corso delle indagini, i cybercop milanesi hanno potuto individuare i soggetti che partecipavano al network, una rete che si avvaleva, come accennato, di due siti di appoggio e 3 web radio che ritrasmettevano online i contenuti senza autorizzazione.

In seguito a questi rilievi, le Fiamme Gialle hanno condotto 39 perquisizioni in cinque regioni italiane, tutte legate - specifica una nota della Guardia di Finanza - a massicce attività di sharing. Secondo gli inquirenti, ad essere sottoposti a perquisizione anche i gestori dei siti web e delle web radio del network, ai quali si ascrive un'attività finalizzata al lucro sia per i banner ospitati in rete che per la vendita online di gadget "Freeazzurra".

"In alcuni casi - si legge ancora nella nota - sono stati rinvenuti alcuni prezziari relativi alla vendita per corrispondenza di CD e DVD masterizzati contenenti opere illegalmente riprodotte, nonché, in una circostanza, materiale pedopornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di bambini".

In realtà Wild Sharer non si è ancora conclusa: la Guardia di Finanza è infatti al lavoro per chiarire molti dettagli della questione e, specifica la nota, "identificare tutte le persone coinvolte nell'illecito". Per ora sono 44 i denunciati in questa operazione.

"L'Italia - ha dichiarato commentando le operazioni italiane Enzo Mazza, presidente della Federazione dell'industria musicale italiana - è oggi il sesto mercato mondiale in termini di musica digitale, e le azioni antipirateria sono in questo momento fondamentali per tutelare lo sviluppo dell'offerta legale e difendere coloro che stanno investendo milioni di euro nella musica online".

Fonte: Puntoinformatico.it
News

 
 .: Links Correlati
· Inoltre News
· News by sickb0y


Articolo più letto relativo a News:
P2P, decine di denunce in Italia


 .: Article Rating
Average Score: 4
Voti: 10


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



 .: Opzioni

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati